Loading...

Check Up Fegato

44,90

Facile prelievo del campione a casa

Analisi in un laboratorio medico certificato

Risultati entro 2-3 giorni dal ricevimento del campione

Il Check Up Fegato di LabEvo è un kit per il prelievo ed invio di un campione di sangue per il controllo della funzionalità epatica.

Ti permette di verificare nel tuo sangue i seguenti parametri:

  • ALT/GPT – Alanina aminotransferasi o Glutammato-piruvato transaminasi
  • AST/GOT – Aspartato aminotransferasi o Glutammato-ossalacetato transaminasi
  • ALP – Fosfatasi alcalina
  • GGT – Gamma glutamil trasferasi o Gamma glutamil transpeptidasi
  • Proteine totali
  • Albumina nel sangue

Istruzioni d’uso (PDF)

Ecco la lista di parametri che questo test ti permette di verificare :

È un enzima presente all’interno delle cellule del fegato e di altri organi come cuore, muscoli scheletrici, rene e vasi sanguigni. Un incremento dei suoi livelli sierici dimostra uno stato di alterazione o distruzione di tali tessuti che lo contengono.

Un aumento può essere associato a malattia epatica (epatite virale o tossica, necrosi epatica), infarto del miocardio o miocardite, malattie a carico del muscolo, embolia polmonare e sepsi.

PERCHÉ RDOSARLO

Utile per diagnosi e monitoraggio di patologie epatiche (epatiti e tumori epatici, steatosi, cirrosi), a carico del muscolo (miositi virali autoimmuni, patologie genetiche del muscolo), infarto, patologie cardiache, embolia polmonare e tossicità ai farmaci a metabolismo epatico (metotrexate).

QUANDO DOSARLI

Colorazione giallastra della cute e degli occhi, debolezza muscolare, dolore toracico, dolore addominale, nausea, vomito difficoltà improvvisa respiratoria, utilizzo cronico di farmaci a metabolismo epatico, obesità.

È un enzima localizzato nelle cellule del fegato ed è più specifico delle patologie epatiche rispetto ad AST. Modesti incrementi possono verificarsi anche in caso di importanti malattie muscolari (distrofia muscolare di Duchenne e polimiositi).

In caso di patologia epatica le cellule danneggiate rilasceranno nel sangue importanti quantità di questo enzima.

Alti livelli nel sangue possono indicare la presenza di un’epatite acuta virale o tossica.

PERCHÉ DOSARLO

Per diagnosi e monitoraggio di patologie epatiche (steatosi epatica, epatiti, tumori, cirrosi)

QUANDO DOSARLI

Colorazione giallastra della cute e degli occhi, debolezza muscolare, dolore addominale, nausea, vomito, utilizzo cronico di farmaci a metabolismo epatico, obesità.

È un enzima che si ritrova nel tessuto del fegato, rene e delle ossa. Nell’osso è fondamentale per la sua mineralizzazione. Non è ancora ad oggi chiara la sua funzione fisiologia.

Il suo dosaggio è utilizzato di routine per valutare il normale metabolismo e patologie a carico dell’osso in quanto è indice di una aumentata attività degli osteoblasti. È inoltre utilizzato per lo screening il monitoraggio e la risposta al trattamento delle patologie epatiche.

PERCHÉ DOSARLO

Per diagnosi e trattamento di fratture patologiche (non da trauma), osteoporosi, rachitismo, alterazioni ormonali a carico delle paratiroidi e come rischio cardiovascolare (ultimi studi rilevano un ruolo nella formazione di calcificazioni vascolari).

QUANDO DOSARLO

Colorazione giallastra della cute e degli occhi, dolore addominale, nausea, vomito, dolori ossei, deficit di vitamina D, osteoporosi.

La gamma glutamil transferasi (GGT) è un enzima presente in quantità variabile in molti organi (fegato, reni, pancreas, intestino e prostata) ad eccezione delle cellule muscolari. Ha una funzione antiossidante ed è importante per il metabolismo di numerosi farmaci. I valori ematici di GGT variano in base al sesso, etnia, peso, dal consumo di alcol e dall’esposizione alle tossine e farmaci.

PERCHÉ DOSARLE

GGT è particolarmente importante nella diagnosi della malattia epatica colestatica e nel monitoraggio del danno epatico indotto da farmaci e da abuso alcolico. Inoltre è un utile biomarcatore predittivo di diversi stati patologici (sindrome metabolica, rischio cardiovascolare, fibrillazione atriale, arresto cardiaco, insufficienza cardiaca, apnea ostruttiva notturna e steatosi epatica non alcolica).

QUANDO DOSARLE

Colorazione giallastra della cute e degli occhi, debolezza muscolare, dolore toracico, dolore addominale, nausea, vomito, utilizzo cronico di farmaci a metabolismo epatico, obesità, consumo inadeguato di bevande alcoliche

Le proteine plasmatiche sono suddivise in due macro gruppi: albumina 60% e globuline.

L’albumina è un trasportatore nel sangue di sostanze endogene (acidi grassi, bilirubina, ormoni, vitamine, minerali) ed esogene (farmaci e nutrienti), ha un effetto antiossidante, antitrombotico e anticoagulante. Le globuline hanno ruolo nel sistema immunitario adattativo, ovvero come meccanismo di difesa mirato e specifico per ogni agente patogeno.

PERCHÉ DOSARLE

Utili per indicazioni sullo stato nutrizionale e per il monitoraggio e diagnosi di patologie epatiche, renali e disordini del metabolismo osseo.

QUANDO DOSARLE

Edemi diffusi, dolore addominale, nausea, vomito, colore giallastro della cute e degli occhi, affaticamento, perdita di peso.

È una proteina prodotta nel fegato che presenta molteplici funzioni tra cui:

-trasportatore nel sangue di sostanze endogene (acidi grassi, bilirubina, ormoni, vitamine, minerali) ed esogene (farmaci e nutrienti),

-effetto antiossidante,

-effetto antitrombotico e anticoagulante

-regola l’omeostasi della pressione oncotica

PERCHÉ DOSARLA

Per la diagnosi ed il follow-up di patologie epatiche (cirrosi, ipertensione portale, ascite) e renali (insufficienza renale cronica), infezioni (sepsi), tumori, ustioni, emorragie, trauma cranico severo.

QUANDO DOSARLA

Perdita di peso, edemi, debolezza e affaticamento, ascite, pelle giallastra, ematomi frequenti.

  • 1 cerotto
  • 1 tampone
  • 1 batuffolo imbevuto di alcool
  • 1 microvetta 0,5 ml (provetta per il sangue)
  • 2 lancette
  • 1 busta preaffrancata
  • 1 codice sulla provetta per attivazione kit