Loading...

Check Up Immunitario

64,90

Facile prelievo del campione a casa

Analisi in un laboratorio medico certificato

Risultati entro 2-3 giorni dal ricevimento del campione

Il Check Up Immunitario di LabEvo è un kit per il prelievo ed invio di un campione di sangue per il controllo del sistema immunitario.
Ti permette di verificare nel tuo sangue i seguenti parametri:

  • Frazione C3, Frazione C4
  • PCR
  • Magnesio
  • IgG Immunoglobuline G
  • IgM Immunoglobuline M
  • IgA Immunoglobuline A

Istruzioni d’uso (PDF)

Ecco la lista di parametri che questo test ti permette di verificare :

La proteina C reattiva (PCR) è un indicatore aspecifico che aumenta in presenza di infiammazioni ed infezioni. Può essere aumentata in caso di malattie autoimmuni o malattie cardiovascolari. I suoi valori possono variare in base all’età, al sesso al peso, ai livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue e alla pressione sanguigna.

Non è solo un marker di infiammazione ma ha un ruolo attivo nel processo infiammatorio.

PERCHE DOSARLA

viene dosata per valutare lo stato di attività della malattia, valutare la risposta al trattamento e i livelli di infiammazione.

Se i livelli riscontrati superano i limiti di riferimento sarà necessario contattare il proprio medico di fiducia, in quanto un incremento della PCR è sempre indice di malattia.

QUANDO DOSARLA

Febbre, infezioni, tumefazioni articolari, spossatezza, arrossamenti cutanei, debolezza e tumefazioni muscolare.

Il sistema del complemento è parte del sistema immunitario innato, ovvero primo meccanismo di difesa dell’organismo. Ha un doppio ruolo: combatte l’infezione in via diretta e richiamando altre cellule del sistema immunitario necessarie alla risoluzione dell’infezione. Costituito da numerose proteine plasmatiche prodotte dal fegato che vengono rilasciate nel sangue in forma inattiva. Tali proteine si attivano quando l’organismo entra in contatto con agente patogeno. Le proteine maggiormente dosate per valutare l’attività e la quantità nel sangue sono la proteina C3 e la proteina C4.

PERCHÈ DOSARLA

Un deficit di queste proteine può essere congenito o conseguente a varie patologie infiammatorie, infettive o autoimmuni.

Deficit quantitativo del complemento lo ritroviamo in caso di:

  • consumo durante processi infiammatori
  • immunodeficienze
  • malattie autoimmuni (lupus eritematosi sistemico, artrite reumatoide, porpora di Schonlein -enoch)
  • infezioni estese (meningite)

Un deficit della funzione del complemento si può avere in presenza di autoanticorpi che legandosi alle varie componenti ne limitano la funzione.

Un incremento dei valori del complemento può essere riscontrato per una iperproduzione secondaria a tumori (sarcomi, leucemia, linfoma di Hodgkin), infarto del miocardio e sarcoidosi.

QUANDO DOSARLA

Febbre, infezioni gravi ricorrenti, malattie autoimmuni (lupus, artrite reumatoide, sarcoidosi), tumori, malattie renali (glomerulopatie), malnutrizione, ustioni, orticaria, maculopatia.

È il quarto più comune minerale nel corpo umano, dopo calcio sodio e potassio. È coinvolto come cofattore in numerosi meccanismi enzimatici dell’organismo responsabili della produzione di energia, la contrazione muscolare, la trasmissione dell’impulso nervoso, la mineralizzazione e lo sviluppo delle ossa. La causa di un suo deficit può essere dovuta ad uno scarso introito alimentare, all’utilizzo di alcuni farmaci (antibiotici, anrtiacidi e antipertensivi) che ne riducono l’assorbimento intestinale ed a condizioni patologiche (diabete, deficit di vit D, malassorbimento intestinale) ed abuso alcolico che ne aumentano la perdita.

PERCHÈ DOSARLO

Un deficit di magnesio può associarsi a numerose patologie come

  • osteoporosi e rachidismo perché il magnesio è fondamentale nell’attivazione della vit d
  • crampi muscolari se associato a deficit di potassio
  • sviluppo aterosclerosi perché favorisce l’instaurarsi di calcificazioni a livello delle pareti dei vasi sanguigni
  • emicrania perché ne riduce la frequenza e l’entità
  • cataratta e gloaucoma

QUANDO DOSARLO

Asma, gravidanza, emicrania, stanchezza, crampi muscolari, depressione, agitazione psicomotoria, alterazioni del sonno, aritmie, sindrome premestruale, dermatite.

Sono componenti del sistema immunitario adattativo, ovvero un meccanismo di difesa mirato e specifico per ogni agente patogeno. Ne conosciamo 5 tipologie con differenti funzioni e quelle dosate per valutare l’attività del sistema immunitario sono IgM (responsabili di una prima e rapida risposta all’incontro con l’agente patogeno), IgG (anticorpi specifici per singolo patogeno e rimangono attivi in lunga durata) e IgA (anticorpi specifici e responsabili della protezione di mucose al livello di bronchi, polmoni e tratto gastrointestinale).

PERCHÈ DOSARLE

Utilizzate per diagnosi e monitoraggio di malattie autoimmuni, immunodeficienze e tumori (leucemie, linfomi). Utile da associare agli esami per la diagnosi di celiachia.

QUANDO DOSARLE

Febbre persistente, infezioni ricorrenti, stanchezza, pallore.

  • 1 cerotto
  • 1 tampone
  • 1 batuffolo imbevuto di alcool
  • 1 microvetta 0,5 ml (provetta per il sangue)
  • 2 lancette
  • 1 busta preaffrancata
  • 1 codice sulla provetta per attivazione kit