Loading...

Check Up Stanchezza

64,00

Facile prelievo del campione a casa

Analisi in un laboratorio medico certificato

Risultati entro 2-3 giorni dal ricevimento del campione

Il Check Up Stanchezza di LabEvo è un kit per il prelievo ed invio di un campione di sangue per la rilevazione e il controllo dei parametri che generano stanchezza e affaticamento.

Ti permette di verificare nel tuo sangue i seguenti parametri:

  • Albumina nel sangue
  • Colesterolo totale
  • Colesterolo HDL
  • Colesterolo LDL
  • Trigliceridi
  • Magnesio nel sangue
  • Vitamina B12
  • 25-OH (idrossi) Vitamina D3

Istruzioni d’uso (PDF)

Ecco la lista di parametri che questo test ti permette di verificare :

È una proteina prodotta nel fegato che presenta molteplici funzioni tra cui:

-trasportatore nel sangue di sostanze endogene (acidi grassi, bilirubina, ormoni, vitamine, minerali) ed esogene (farmaci e nutrienti),

-effetto antiossidante,

-effetto antitrombotico e anticoagulante

-regola l’omeostasi della pressione oncotica

PERCHÉ DOSARLA

Per la diagnosi ed il follow-up di patologie epatiche (cirrosi, ipertensione portale, ascite) e renali (insufficienza renale cronica), infezioni (sepsi), tumori, ustioni, emorragie, trauma cranico severo.

QUANDO DOSARLA

Perdita di peso, edemi, debolezza e affaticamento, ascite, pelle giallastra, ematomi frequenti.

Il colesterolo è il più importante sterolo sintetizzato da numerose cellule, in particolare dal fegato. È un costituente delle membrane cellulari e agisce come precursore per la sintesi di ormoni steroidei, vitamina d e acidi biliari. È trasportato nel plasma in primis in forma a bassa densità (low density, LDL) e poi ad alta densità (HDL).

LDL colesterolo a bassa densità, trasportato dal fegato ai tessuti (colesterolo “cattivo”)

HDL ovvero il colesterolo rimosso dai tessuti e ritrasportato al fegato, poi escreto con la bile (colesterolo “buono”).

PERCHÉ DOSARLO

Alti livelli di colesterolo sono considerati biomarcatori di malattia cardiovascolare, infarto del miocardio, ictus, ostruzione arteriosa periferica, diabete di tipo 2 ed ipertensione. Alti valori di colesterolo HDL hanno invece un effetto protettivo rispetto alla patologia aterosclerotica.

QUANDO DOSARLO

Obesità, sovrappeso, menopausa, diabete di tipo 1 e 2, stato confusionale, dolore a deambulare per tratti lunghi.

Rappresentano la prevalente riserva di grassi nell’organismo, vengono assunti in via esogena con la dieta o endogena da trasformazione di altri nutrienti, in particolare carboidrati. I Trigliceridi si accumulano nelle cellule adipose e vengono rilasciati in circolo in caso di necessità di risorse energetiche.

PERCHÉ DOSARLI

Alti livelli circolanti aumentano il rischio di aterosclerosi ed eventi cardiovascolari, e livelli molto alti possono portare a pancreatite acuta.

QUANDO DOSARLI

Obesità, sovrappeso, menopausa, diabete di tipo 1 e 2, stato confusionale.

È il quarto più comune minerale nel corpo umano, dopo calcio sodio e potassio. È coinvolto come cofattore in numerosi meccanismi enzimatici dell’organismo responsabili della produzione di energia, la contrazione muscolare, la trasmissione dell’impulso nervoso, la mineralizzazione e lo sviluppo delle ossa. La causa di un suo deficit può essere dovuta ad uno scarso introito alimentare, all’utilizzo di alcuni farmaci (antibiotici, anrtiacidi e antipertensivi) che ne riducono l’assorbimento intestinale ed a condizioni patologiche (diabete, deficit di vit D, malassorbimento intestinale) ed abuso alcolico che ne aumentano la perdita.

PERCHÉ DOSARLO

Un deficit di magnesio può associarsi a numerose patologie come

-osteoporosi e rachidismo perché il magnesio è fondamentale nell’attivazione della vit d

-crampi muscolari se associato a deficit di potassio

-sviluppo aterosclerosi perché favorisce l’instaurarsi di calcificazioni a livello delle pareti dei vasi sanguigni

-emicrania perché ne riduce la frequenza e l’entità

– cataratta e gloaucoma

QUANDO DOSARLO

Asma, gravidanza, emicrania, stanchezza, crampi muscolari, depressione, agitazione psicomotoria, alterazioni del sonno, aritmie, sindrome premestruale, dermatite atopica.

Vitamina B 12 o cobalamina è una vitamina idrosolubile assunta con la dieta (pesce, carne) ed assorbita insieme ad un cofattore chiamato intrinseco, prodotto dallo stomaco a livello intestinale.

PERCHÉ DOSARLA

È fondamentale per le funzioni nerurologiche,per la produzione di globuli rossi e la sintesi del DNA ed agisce come cofattore in numerose reazioni dell’organismo. Un deficit può essere dovuto ad diete incongrue, patologie caratterizzate da malassorbimento intestinale, deficit del fattore intrinseco (anemia perniciosa) o utilizzo prolungato di particolari farmaci (antistaminici e metformina).

QUANDO DOSARLA

Iperpigmentazione cutanea, glossite, anemia, malattie neuropsichiatriche (irritabilità, riduzione dell’olfatto, peggioramento cognitivo, psicosi).

Ha un ruolo determinante nella omeostasi del calcio e dell’osso. Si ritrova in due forme bioequivalenti: D 2 assunta con la dieta da alimenti vegetali, e D 3 è ottenuta dall’esposizione cutanea ai raggi ultravioletti B, e ingerita nella sua forma inattiva con la dieta (latte, succhi, margarina, cereali, soia). Sembrerebbe avere un ruolo chiave come stimolatore del sistema immunitario.

Il suo deficit è molto comune rispetto al passato, questo può essere dovuto a dieta inadeguata, malassorbimento, patologie epatiche severe o farmaci (antiepilettici) o patologie renali (insufficienza renale).

PERCHÉ DOSARLA

Un suo deficit può contribuire ad un’alterazione del metabolismo del calcio e del suo assorbimento a livello intestinale, con conseguente attivazione delle ghiandole paratiroidi i cui ormoni portano al riassorbimento di calcio dalle ossa rendendole fragili.

QUANDO DOSARLA

Dolore osseo, mialgia, stanchezza generalizzata, fatica cronica, fratture patologiche, menopausa.

  • 1 cerotto
  • 1 tampone
  • 1 batuffolo imbevuto di alcool
  • 1 microvetta 0,5 ml (provetta per il sangue)
  • 2 lancette
  • 1 busta preaffrancata
  • 1 codice sulla provetta per attivazione kit