Toxoplasmosi, la malattia del gatto pericolosa per l’uomo

Testare il proprio gatto per la Toxoplasmosi è importante, a maggior ragione se in famiglia c’è una donna incinta

La Toxoplasmosi è un’infezione causata dal parassita Toxoplasma gondii, un protozoo che per sopravvivere e riprodursi necessita di un organismo ospite.
Può infettare vari mammiferi, fra i quali l’uomo, ma è il gatto a essere “l’ospite definitivo” nonché il principale veicolo di trasmissione della malattia.
I gatti da appartamento che restano tra le mura domestiche ovviamente corrono pochi rischi. I gatti che invece hanno l’abitudine di entrare e uscire di casa possono contrarre più facilmente l’infezione, ad esempio cacciando topi infetti, piccoli uccelli (anche in terrazzo!) o ingerendo le uova del parassita presenti nell’ambiente.

Sintomi dell’infezione da Toxoplasmosi

Nel gatto la malattia è generalmente priva di sintomi. Tuttavia, cuccioli o gatti con difese immunitarie compromesse potrebbero manifestare disturbi quali febbre, vomito, diarrea, perdita di appetito, torpore, problematiche respiratorie e neurologiche.
Anche nell’uomo la Toxoplasmosi è per lo più asintomatica, tranne a volte un po’ di febbre e stanchezza. Il rischio principale è per le donne in gravidanza: nel 40% dei casi infatti, l’infezione potrebbe essere trasmessa al feto.

Toxoplasmosi: massima attenzione per le donne incinte

Di norma, il contagio da Toxoplasmosi nell’uomo avviene per via orale. Ciò può accadere portando inavvertitamente le mani alla bocca, dopo aver pulito la lettiera o essere entrati in contatto con un terreno in cui i gatti sono soliti fare i bisogni.
Se a contrarre l’infezione è una donna incinta, le conseguenze potrebbero essere molto spiacevoli per il nascituro.
Nel primo trimestre di gravidanza la Toxoplasmosi può provocare i danni più severi tra cui aborto spontaneo, danni neurologici, lesioni a organi come cuore, polmoni e vista.
Man mano che la gestazione avanza la possibilità di contagio aumenta, ma il feto è più resistente all’infezione e la percentuale di ripercussioni gravi si riduce drasticamente.

Come ridurre le probabilità di contagio da Toxoplasmosi

Quando si è in dolce attesa, esistono alcune fondamentali regole da seguire per evitare di contrarre la Toxoplasmosi.

  • Pulire la lettiera del gatto il prima possibile, indossando i guanti, e poi lavarsi
      accuratamente le mani
    (ma l’ideale sarebbe delegare il compito).
  • Nutrire il gatto solo con carne cotta o alimenti confezionati, in quanto la carne cruda può veicolare il parassita.
  • Lavare bene frutta e verdura: un gatto potrebbe aver contaminato il terreno di raccolta.
  • Utilizzare sempre i guanti mentre si effettuano lavori di giardinaggio.

Check-up Toxoplasmosi per gatti, direttamente a casa.

Per scoprire se il tuo gatto è stato contagiato dal parassita Toxoplasma gondii, basta effettuare una semplice analisi di laboratorio per verificare la presenza di anticorpi.
La soluzione ottimale? I check-up LabEvo! Rigorosamente “vet approved”, permettono di testare e monitorare nel tempo il benessere del tuo amico a quattro zampe, nel comfort di casa, evitandogli ansie e stress. Oltre alla Toxoplasmosi, gli Home to LabTest LabEvo rilevano la presenza di ulteriori protozoi e batteri: ordina online quello che fa per lui!

HOME RAPID TEST - PETs

Test rapidi fai da te