Papilloma Virus: Cos’è, Come Diagnosticarlo e Prevenirlo

Il Papilloma Virus (HPV) è un’infezione virale comune, di cui esistono molti ceppi diversi, in grado di attaccare le mucose e la cute. Il differente sito di infezione (mucosa o cute) dipende dal ceppo del virus. I ceppi virali che infettano la cute sono considerati innocui, mentre i ceppi che infettano le mucose possono produrre alterazioni pre-cancerose. L’infezione da HPV causa la formazione di papillomi, ovvero di lesioni benigne che prendono il nome di: verruche, se si trovano nella cute; papillomi, se si trovano nelle mucose.

Il contagio da HPV può essere del tutto asintomatico, anche perché molte delle infezioni si risolvono spontaneamente. Tuttavia, quando il ceppo del virus riesce ad evadere il sistema immunitario, possono manifestarsi le verruche o iniziare dei cambiamenti (non visibili) nelle cellule. Per questo motivo, è essenziale comprendere come diagnosticare e prevenire l’HPV per tutelare la nostra salute intima.

1. DIAGNOSI DELL’HPV

  1. Visite ginecologiche periodiche 
  2. Pap Test: Questo esame evidenzia i segni precoci di una degenerazione in senso neoplastico e permette di valutare se vi sono alterazioni nelle cellule prelevate dalla cervice uterina.
  3. Test HPV: Oltre al Pap-test, oggi è disponibile un altro esame di screening, chiamato HPV test (o HPV-DNA test), che permette di individuare la presenza del DNA del papilloma virus nelle cellule cervicali. Questo consente di determinare se la donna ha contratto un virus ancor prima che si sviluppino eventuali lesioni, individuando la presenza del DNA di HPV nelle cellule cervicali.

2. PREVENZIONE

Le infezioni da HPV possono essere efficacemente prevenute sia attraverso la diagnosi precoce e l’adesione ai programmi di screening, sia mediante la vaccinazione contro l’HPV.

Il Pap test e l’HPV test sono in grado di ridurre la mortalità per questo tumore e permettono di individuare la malattia in stadi molto iniziali.

Per quanto riguarda la vaccinazione anti-HPV, alcune infezioni possono essere prevenute con il vaccino bivalente (contro i ceppi HPV 16 e 18) o quadrivalente (contro i ceppi HPV 16, 18, 6 e 11). Affinché il vaccino sia efficace, è importante completare l’intero ciclo di vaccinazione. Inoltre, l’effetto protettivo è maggiore se somministrato in giovane età, prima dell’inizio dei rapporti sessuali, poiché le probabilità di essere già entrati a contatto con il virus sono basse.

3. L’IMPORTANZA DELLA PREVENZIONE ATTIVA

La prevenzione dell’HPV richiede un approccio attivo ed è di assoluta importanza sottoporsi regolarmente a controlli anche in assenza di segni evidenti. La prevenzione attiva, inclusa la vaccinazione e i controlli regolari, è un investimento nella propria salute a lungo termine.